Albero Madre Latina

Albero Madre è uno spazio interamente dedicato a chi non ha. Un ambiente dove le professionalità incontrano i bisogni, accendendo una speranza nel cuore delle persone.

Il figlio maschio e lo stupro della prostituta/bambina

stupro

Aumentano i casi di stupro di gruppo su minori.

Roma, 11 settembre 2016. Un paese italiano, una storia di arroganza, delinquenza, mancato rispetto, bullismo, degrado, riflette e fa riflettere sullo stato di dignità del genere umano.

La storia è tragica e semplice, una ragazzina di 13 anni viene costretta, nel silenzio di tutti quelli che vedono e girano la faccia dall’altra parte perché non è figlia loro, ad avere rapporti sessuali con un gruppo di ragazzi, figli di boss, fratelli di poliziotti, incensurati, per tre anni, anni in cui se non va con loro sono botte, insulti minacce; anni in cui la prelevano dalla scuola per portarla in un casolare e abusarne a turno, anni in cui la bambina diventa donna (1 metro e 55 centimetri per 40 kg), non mangia, è in depressione; anni in cui girano voci e vanti.

La scuola non c’entra, ognuno deve pensare alla sua famiglia“. I devoti rimangono nella luce. Un parroco davanti alle telecamere: “Purtroppo corre voce che questo non sia un caso isolato. C’è molta prostituzione in questo paese“. Si badi bene, non stupro continuato di una bambina di 13 anni, ma prostituzione. L’altro parroco Domenico: “Sono tutte vittime anche i ragazzi. E poi, io credo che certe volte il silenzio sia la risposta più eloquente“. Non è il silenzio eloquente ma l’azione, la denuncia, sperando che questa dirittura del silenzio non rasenti l’omissione.

Ma è questo quello che siamo diventati? E’ questa la difesa ad oltranza di un parente, anche stretto, tipo figlio o fratello, che se fa volontariamente del male deve essere protetto e difeso?! E non siamo noi stessi ad aver sbagliato se tali comportamenti sono stati compiuti da persone vicine cui non siamo stati in grado di trasmettere il rispetto per gli altri?!

La condanna che dalla donna va contro la donna è la più spiacevole, stucchevole, lascia l’amaro in bocca per tutte quelle lotte fatte in nome loro vanificate nella protezione del figlio maschio. Non esiste difesa ad oltranza di valori sbagliati perché a condizioni rovesciate probabilmente le frasi sarebbero state diverse. Veramente una brutta storia se gli pseudo benpensanti non si mettono in discussione ma giudicano senza averne le capacità. Se questo è il progresso torniamo all’era della pietra perché nelle evoluzioni abbiamo tralasciato qualcosa e, oltre il perdono, cerchiamo di capire la comprensione, la carità e la missione.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Il figlio maschio e lo stupro della prostituta/bambina

  1. Pingback: Se questi sono uomini e donne… | Albero Madre Latina

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: